Az. Agricola Il Leprotto Bisestile

Un luogo dove erbe e animali sono accuditi con amore

Sull’Altopiano della Vigolana, a quasi 700 metri di altitudine, nella piccola comunità di Bosentino, si trova l’azienda agricola Il Leprotto Bisestile.

Tra prati e boschi, dove l’aria frizzante di montagna ti carezza il viso e lo sguardo si perde nelle acque limpide del lago di Caldonazzo, si coltivano piante officinali, spontanee ed aromatiche che vengono trasformate in tisane, creme gastronomiche, sali aromatici e prodotti cosmetici. L’azienda è specializzata nell’elicicoltura, ovvero l’allevamento di lumache per uso cosmetico.

“Preparare sali alle erbe, infusi, confetture dal gusto floreale e creme con erbe selvatiche – racconta Francesca, fondatrice e cuore dell’azienda – mi autorizza a sentirmi una donna di altri tempi, che avvolta dal mistero sa dosare le proprie erbe con saggezza e serenità. Attività che si completa con la realizzazione di prodotti cosmetici con gli estratti freschi delle erbe o con la bava di lumaca, potente alleata per la bellezza. Abbiamo anche coltivazioni più classiche, come l’orto sinergico, in cui gli ortaggi sono stati piantati stando bene attenti a non influenzare l’ordine e le dinamiche naturali, o la coltivazione del mais “Spin” della Valsugana a cui sono molto legata perché mi ricorda mia nonna, che cito sempre con un pizzico di dolce malinconia. È lei che mi ha tramandato le sementi per coltivare, è lei che ha vissuto in questo maso prima di me ed è lei che mi ha trasmesso quest’amore per la natura. Era un amore istintivo, che forse neanche lei sapeva di avere, visto che spesso diceva: “Le bestie le magna anca el dì de Nadal” (Gli animali della fattoria devono mangiare anche il giorno di Natale), facendomi capire che sì, vivere di agricoltura è molto bello, in senso bucolico, ma certamente impegnativo.”

Nella fattoria didattica ci sono anche tanti animali recuperati da situazioni difficili o di abbandono, che Francesca, il cuore dell’azienda, accoglie e accudisce con amore.

“Al mattino apro le finestre e vedo la Vigolana, – ci dice Francesca – una delle montagne che mi abbraccia mentre il Lago di Caldonazzo mi culla dolcemente. Sembra una cartolina. Mi vesto e vado dai miei animali, loro mi aspettano, mi riconoscono e mi chiamano. Vogliono il loro pasto e una bella razione di coccole. Così inizia la mia giornata tra gli asini, le pecore dagli occhiali, le galline felici, i coniglietti e tutta la mia allegra tribù di bestiole speciali con cui ho instaurato un rapporto unico, peculiare.”

Contatti

Azienda Agricola Il Leprotto Bisestile
Via Castagnè 12

38049 Altopiano della Vigolana – Bosentino (TN)

 Tel. 333.2192999

 il.leprotto.bisestile@hotmail.com

 www.illeprottobisestile.com

IMG_3095
SAM_1912
562311_213436375486312_1912999553_n[1]
SAM_2515
2013-11-06 11.03.07

Un leprotto sull’Altopiano delle meraviglie

Francesca, dopo aver studiato a Padova e a Firenze presso la Facoltà di Agraria ed essersi laureata in Tecnologie forestali e ambientali, ha deciso di ritornare nell’orto di nonna Edda e di mettere in pratica quanto studiato, unendo così conoscenze e tradizione.

“La domanda che mi viene rivolta più spesso durante le visite alla fattoria didattica è: ‘Ma tu fai tutto questo da sola?’ E ogni volta, anche se ormai sono passati sei anni da quando ho iniziato a realizzare il mio sogno, questa domanda mi strappa un sorriso. Certo, perché per quanto una persona sia motivata e svolga il suo lavoro con passione, la natura sa rimetterla subito al proprio posto, soprattutto in quell’agricoltura fatta di piccoli appezzamenti scomodi e con pendenze importanti. La mia azienda rispecchia in pieno quella che si definisce un’azienda agricola multifunzionale di famiglia. Assieme a mio fratello Giuliano mi occupo di piante officinali e aromatiche, seguendone tutta la filiera. Come in uno slogan pubblicitario posso dire che: ‘Dal seme alla confezione finale ci siamo solo noi del leprotto bisestile!’ Ed è bellissimo, perché questo ci permette di adattare le nostre produzioni alle leggi naturali e non viceversa, in totale armonia.”

Perché un orologio dovrebbe segnare le ore?

“Per dovere di cronaca – spiega Francesca – la seconda domanda che mi viene posta più spesso riguarda il significato del nome ‘Il Leprotto Bisestile’. Così spiego loro che è un nome che riassume quello che sono, ed è al contempo un augurio di spensieratezza, di serenità e un invito a non esser schiavi del tempo. Così come i personaggi del libro di ‘Alice nel paese delle meraviglie’ rompevano gli orologi, anche io ogni tanto provo a non guardarli…”

leprotto_gallery1