Il-territorio-vigolana

Il Territorio

L’incantevole paesaggio dell’Altopiano della Vigolana, racchiuso tra i massicci della Vigolana a sud/ovest e della Marzola a nord/ovest, è rappresentato da ampi prati e boschi rimasti immutati nel tempo, grazie alla generosità della natura ed è un balcone naturale dal quale ammirare panorami alpini, vallate e laghi.

I boschi sono popolati di pini, faggi, abeti e larici, mentre il sottobosco si profuma di fiori – ciclamini, rododendri, mughetti e orchidee – e in autunno è ricco di funghi porcini e castagne.

In estate si manifesta la cordialità e l’ospitalità della gente attraverso le numerose feste campestri, le sagre paesane, i concerti e le manifestazioni che le associazione di volontariato propongono.

In inverno si passeggia sulla neve con le ciaspole, aspettando l’arrivo del Natale che si preannuncia con l’allestimento degli alberi, dei presepi e dei caratteristici mercatini.

L’Altopiano della Vigolana è un angolo di relax nel cuore del Trentino, meta ideale in ogni stagione per rigenerarsi fisicamente e mentalmente.

La storia

I primi insediamenti umani avvennero circa 3500 anni fa.

cartina

La storia dell’Altopiano è riconducibile a quella dell’arco alpino orientale: i Reti furono il primo popolo a stabilirsi creando villaggi di pastori sedentari.

Numerosi furono i vari eserciti di passaggio: i Romani, che ci lasciarono la Via Claudia Augusta, i Barbari, i Longobardi e i Franchi; poi la zona fu dominata dai Principi Vescovi di Trento. Risale al 1496 la “Carta di Regola” di Vigolo, primo esempio della nascita di una comunità.

L’Altopiano dovette affrontare le invasioni napoleoniche, che portarono pesanti disagi.

Con il Congresso di Vienna le condizioni migliorarono, ma la crisi economica della seconda metà del 1800 obbligò quasi un terzo degli abitanti all’emigrazione.

Anche le due grandi guerre ebbero il loro tributo di sangue e di morti.

Oggi l’Altopiano della Vigolana è uno dei territori del Trentino orientale più ameni e piacevoli in cui vivere e da visitare.